Lo JOTA, si sà, è l’evento che unisce radiantismo e scoutismo nell’occasione in cui si celebra una grande festa a cui partecipano ogni anno oltre 700.000 persone tra scout e radioamatori.

Durante questa grande festa i radioamatori mettono a disposizione i loro mezzi per permettere agli scout di comunicare con altri scout in tutto il mondo e fargli vivere un’esperienza diversa dal solito.

La Sezione A.R.I. di Milano quest’anno ha partecipato all’evento invitando i ragazzi del gruppo Scout A.S.S.I.M. 1780636_700595950010648_1510625342110673367_n(Associazione Speranze Scout Italy Musulmani) e attivando con loro il nominativo speciale II2JOTA che è stato on air nelle bande HF dalle ore 10 alle 16 di domenica 16 ottobre. In corsa si è anche aggregata una piccola delegazione del Gruppo Giovani Esploratori Lombardi 9 rappresentata da Roberto IK2PIY e i suoi due figli Marco e Fabio.

Le esperienze proposte ai ragazzi sono state principalmente 3: attività radio in HF, un piccolo “workshop” di introduzione al mondo HAM e la costruzione di un dipolo per i 40 metri.

Alle 10 eravamo tutti riuniti, radioamatori ARI MI e Scout, nell’Aula 50 dell’Istituto Gallaratese che ospita la nostra Sezione, per conoscerci e introdurre ciò che si sarebbe fatto di lì a poco; contemporaneamente, dalla sala radio, si iniziava a sentire “CQ JAMBOREE CQ JAMBORE II2JOTA II2JOTA”

Chi sono i radioamatori e cosa fanno è stato l’argomento che ha aperto la presentazione ed il primo momento divertente è stato quando i ragazzi hanno iniziato ad usare l’alfabeto fonetico NATO per fare lo spelling del loro nome. Mentre i ragazzi iniziavano a prendere confidenza con questo nuovo modo di “parlare la stessa lingua nel mondo” arrivava la prima chiamata dalla sala radio “C’è la stazione scout IK7YZI/J che vorrebbe collegare i nostri ragazzi”: tre scout vengono spediti di corsa in radio e in Aula 50 continua l’esposizione degli argomenti del “workshop” accompagnata da un fantastico the alla menta preparato per tutti da Abdellah, il capo gruppo 20161016_121825A.S.S.I.M. Sarà un via vai continuo fino alle 13,00, ora in cui tutte le attività si fermano, II2JOTA fa QRX e arriva il momento del pranzo. Recuperate le energie, le attività del pomeriggio proseguono con la costruzione di un dipolo per i 40 metri nell’area verde adiacente la sede della Sezione. Viene misurato e tagliato il filo utilizzato come radiatore, preparato il centrale, collegato il cavo coassiale, eretto un paletto da sei metri, steso il dipolo e collegato lo Yaesu FT817 portato da Ivan IZ2YJD: da questo momento, per alcuni minuti, II2JOTA chiama QRP in 40 metri e i corrispondenti, con stupore dei ragazzi, non tardano ad arrivare. Questo è stato un momento molto importante perché siamo riusciti a dimostrare ai ragazzi che con pochissimo materiale facilmente reperibile e una piccola radio è possibile fare dei bei collegamenti utilizzando pochissima potenza. Terminate le chiamate QRP, la postazione HF principale della sala radio riprende possesso della situazione effettuando gli ultimi QSO della giornata mentre con parte dei ragazzi si smonta il dipolo e lo si ripone in magazzino, pronto per le prossime avventure.
La giornata termina con i ringraziamenti di tutti e la consegna ai ragazzi di un diploma che gli ricorderà questa bella giornata.
Il risultato finale dell’attività radio con il call II2JOTA è stato di 187 QSO di cui, la maggior parte, effettuati con altre stazioni scout e ai quali hanno partecipato i nostri ragazzi. A tutte le stazioni collegate verrà inviata la QSL speciale realizzata appositamente per l’evento.

La cronologia dello JOTA vissuto dalla Sezione A.R.I. di Milano è questa, sicuramente fredda letta come una ii2jota_2016_frontsequenza di parole, ma molto “calda” per tutti coloro che hanno potuto viverla. I ragazzi sono stati molto partecipi alle attività proposte ed entusiasti di conoscere un mondo di cui alcuni avevano solo sentito parlare e di cui altri non ne conoscevano l’esistenza. Noi soci che abbiamo animato le attività lo abbiamo fatto con piacere e impegno cercando di trasmettere ai ragazzi la passione che abbiamo per il nostro hobby.

I capi scout A.S.S.I.M. ci sono stati molto grati per avergli proposto questo tipo di attività che, sopratutto per una piccola associazione come la loro, è una cosa molto preziosa.

Alcuni ragazzi hanno così commentato la bella giornata passata insieme:

Fabio, 6 anni, […] Siamo andati insieme a mio papà a visitare la sala radio dove abbiamo incontrato altri scout e insieme a loro i signori della radio ci hanno insegnato come potevamo parlare con altri scout con la radio e io ho parlato in radio con Sergio. E’ stata una bella giornata.

Marco, 12 anni […] grazie all’aiuto dei radioamatori gli scout di tutto il mondo possono collegarsi tra di loro […] Abbiamo pranzato tutti insieme al sacco e nel pomeriggio ci hanno fatto vedere come montare un’antenna con dei fili elettrici. Finito il pomeriggio ci siamo salutati e ringraziati specialmente Emanuele, Nicolò, Sergio, Marco … per la bellissima esperienza.

gruppo-jota-2016

Ci tengo personalmente a ringraziare Nicolò IK2MPR che mi ha supportato in tutte le fasi dell’organizzazione della giornata e tutti coloro che hanno partecipato: Ivan IZ2YJD, Paolo IZ2BMM, Daniele IU2CKD, Paolo IK2GWH, Marco IW2NUY, Lorenzo IW2BZY, Sergio IW2MWC, Emilano IZ2BKD, Marco KC9FFV e Roberto IK2PIY.

Ringrazio anche i capi scout del gruppo A.S.S.I.M. di Solaro che hanno partecipato con entusiasmo, insieme ai ragazzi, alle attività che abbiamo proposto e hanno reso possibile questa giornata che rimarrà sicuramente un bel ricordo per tutti noi.

Emanuele IU2CIQ