Probabilmente pochi ci avrebbero scommesso, ma stiamo assistendo ad una vera rivoluzione nel mondo digitale amatoriale.
Tempo fa, chi tra noi radioamatori aveva investito in un apparato D-Star, non ha visto di buon occhio il nascere del System Fusion e sopratutto del DMR amatoriale, sopratutto per la paura di una frammentazione nell’utilizzo dei vari sistemi.
Se già c’è un graduale spopolamento delle frequenze dai 144Mhz in sù, vuoi per il numero sempre minore di nuovi radioamatori, vuoi per l’eliminazione delle licenze speciali che, di fatto, ha messo alla portata di tutti gli OM la banda delle HF, c’era il sentore che diversi sistemi digitali avrebbero ancor più diviso il mondo amatoriale in ristrette cerchie di utilizzatori.bm_logo
Se il futuro smentirà tutto ciò, sono convinto potremo solamente ringraziare Artem Prilutskiy R3ABM, il radioamatore russo che ha sviluppato il famoso BrandMeister, il server che in questi ultimi mesi si sta imponendo a livello mondiale nella gestione della rete DMR.
Ma facciamo un passo indietro.
Nel nostro paese, i primi attori che hanno calcato la scena DMR sono stati i network di DMR-ITALIA e IT-DMR che fin da subito hanno diviso le proprie strade: il primo seguendo le orme del DMR-MARC, una rete internazionale nata con la finalità di fornire un servizio dall’alta affidabilità ma con regole rigide e il secondo sviluppatosi con l’intento di sperimentare nuove modalità di comunicazione e nuove possibilità operative.
Questa separazione, che poi di vera separazione non si tratta, ha portato i 2 network a rincorrersi ogni qualvolta veniva attivata una modalità operativa stabile, ma il risultato é stato che in alcuni momenti non fosse possibile operare allo stesso modo sui ponti collegati a reti diverse, con notevole frustrazione degli utilizzatori e perdita di intertesse di alcuni.
Ad un certo punto arriva il BrandMeister, un server innovativo completamente sviluppato da un radioamatore russo, Artem Prilutskiy R3ABM, che permette di implementare nel sistema funzionalità impensabili per le infrastrutture che al momento tenevano in piedi la rete DMR. L’Italia, per opera di Giacomo De Angelis IW7DZR, si dota di un proprio server BrandMeister e propone di distribuire nell’esistente rete DMR, nuovi flussi di dati in arrivo da altri sistemi, tra i quali il D-STAR.
Una delle peculiarità del BrandMeister è che si è insinuato in un sistema, quello del DMR, che fino a poco tempo fa era tenuto in piedi solo ed esclusivamente con software di routing di derivazione commerciale e, in questo modo, ha dimostrato che è ancora viva la voglia di sperimentare e di costruire anche nel radioamatore dei giorni nostri. Non abbiamo più una rete che cerca di adattare e di forzare sistemi rigidi nati per il settore civile, ma un modo di gestione delle modalità operative che si modella secondo le esigenze e le novità del mondo amatoriale digitale che, oggi come non mai, è in un momento florido e di grande fermento.
BrandMeister, inizialmente, nasce per superare l’incompatibilità della coesistenza sulla stessa rete di ripetitori di brand diversi infatti, al suo inizio, la rete DMR amatoriale nasce grazie ai sistemi pensati per il mondo civile da Motorola. Vediamo quindi il primo vero salto di qualità quando ripetitori Motorola e ripetitori Hytera possono essere indistintamente impiegati sulla nostra rete DMR. Un’altra innovazione che ha permesso a BrandMeister di raccogliere fin da subito il plauso della comunità amatoriale “digitale” internazionale è la possibilità di inserire in rete ripetitori non commerc

mmdvm_pi

Scheda MMDVM

iali e dare quindi spazio all’autocostruzione anche in ambito DMR.
Arriviamo velocemente ad oggi, e nello specifico, nel nostro paese.
Fino al primo quadrimestre del 2016 abbiamo una situazione di leggera confusione: almeno quattro reti diverse ognuna con funzionalità diverse e quindi, nella pratica operativa, la necessità di dover pensare come operare su un ponte in base alla rete a cui lo stesso è collegato.
Il 24 Aprile 2016 appare sul sito ufficiale del Network IT-DMR l’annuncio dell’unione della rete IT-DMR con quella legata al server BrandMeister.
E’ un momento importante per la scena amatoriale digitale italiana, perchè grazie alla fusione di queste due realtà, in soldoni, sulla maggior parte dei ponti ripetitori DMR italiani abbiamo ora delle funzionalità operative impossibili fino a qualche mese fa (senza tralasciare che l’unione di gruppi di lavoro, volta a migliorare un bene disponibile a tutti, è sempre una cosa molto bella e da apprezzare).
Le ultime chicche di BrandMeister Italia sono state l’attivazione del TalkGroup 2229192 che mette in comunicazione il mondo DMR con la Room Italy del System Fusion, e la possibilità di avere un collegamento che interfaccia direttamente Fusion e D-STAR.
In conclusione, prima di lasciarvi alle informazioni pratiche sulle modalità operative attuabili sulla rete BrandMeister/IT-DMR, ci troviamo quindi al momento con 2 grandi reti italiane molto diverse tra loro: BrandMeister/IT-DMR di cui ho parlato fino ad ora, e DMR-ITALIA che mantiene ancora le funzionalità operative basilari che abbiamo conosciuto fino a poco tempo fa in stile DMR-MARC.

Ma cosa ci offre al momento il BrandMeister in Italia?

  • Vari Talk Group collegati ad altrettanti XREF D-STAR;
  • Il Talk Group 2229192 collegato alla Room Italy del System Fusion di Yaesu;
  • Collegamento diretto tra Room Italy Fusion e D-STAR;
  • Sistema di messaggistica da e verso il sistema APRS;
  • Invio della propria posizione GPS in APRS;
  • Possibilità di utilizzare tutti i Talkgroup indistintamente su entrambi i Time Slot;
  • Possibilità di utilizzare le varie dongle (tipo DV4MINI, DVMEGA, etc.);
  • Ascolto del traffico su ogni Talk Group via internet hose.brandmeister.network;
  • Dashboard dettagliata dello stato della rete in tempo reale;
  • Informazioni pubblicate in tempo reale sullo stato di ogni ripetitore collegato alla rete;
  • Possibilità di collegare ponti ripetitori di diversi brand, anche autocostruiti.

Queste sono le “novità”, il resto delle funzionalità che conosciamo rimangono comunque attive.
Aspettiamoci nuovi aggiornamenti da parte del Team BrandMeister, vista la ricerca continua di nuove funzionalità da mettere a disposizione della comunità digitale radioamatoriale.
Vi invito a tenervi aggiornati consultando il sito ufficiale di BrandMeister Italia.
Per info: dmr@arimi.it